fbpx
 

Addio split payment e redditometro, limiti ai contratti a tempo

Addio split payment e redditometro, limiti ai contratti a tempo

Addio allo split payment per i professionisti, da subito. Mentre per il resto dei fornitori della Pa il Governo punta ad introdurre una serie di semplificazioni e correttivi per favorire il recupero dei crediti Iva che il meccanismo della scissione contabile produce in favore delle imprese. C’ poi la cancellazione del redditometro, strumento gi da tempo spedito in soffitta e utilizzato per misurare la capacit contributiva dei contribuenti in relazione ai loro beni e patrimoni.

Sono queste alcune delle novit del capitolo fiscale del decreto d’estate che contiene anche misure sul lavoro, atteso per domani al consiglio dei ministri su pressing del vicepremier Luigi Di Maio, anche se resterebbe ancora il nodo “coperture”: il contratto a tempo determinato potr essere stipulato dall’impresa per una durata fino a 12 mesi senza causali, che vanno invece indicate a partire dal primo rinnovo. Scatta un incremento dei costi contributivi dell’1% per ogni nuovo contratto, per finanziare il fondo che eroga la Naspi.Iniziamo dal pacchetto fiscale. L’addio allo split payment ormai uno dei cavalli di battaglia del ministro Di Maio che anche ieri nel corso dell’incontro con il presidente di Confprofessioni, Gaetano Stella, ha rilanciato la cancellazione del meccanismo per tutti i professionisti. Questa potrebbe essere la strada che il governo pare intenzionato a imboccare subito, visto che si tratterebbe di un’operazione a costo ridotto per poche decine di milioni di euro. L’elevato costo per un addio totale impone una riflessione ulteriore che potrebbe tradursi in una serie di correttivi per favorire il recupero dei crediti Iva come la cessione dei crediti infrannuali, un ulteriore impulso ai tempi di rimborso, nonch la revisione al ribasso dei limiti per i visti di conformit. Sul fronte delle misure antievasione, il Governo punta ad anticipare a settembre l’addio allo spesometro gi in agenda per il 1 gennaio con l’arrivo dell’e-fattura, limitando l’obbligo delle comunicazioni delle sole liquidazioni Iva.

Prorogata l’e-fattura

Quanto alla fatturazione elettronica, prorogata l’entrata in vigore del nuovo obbligo per i distributori di carburanti, prevista per il prossimo 1 luglio 2018, misura accolta con la revoca dello sciopero dei benzinai. Le alternative allo studio puntano a escludere le sanzioni amministrative, attribuendo alla disposizione carattere sperimentale. Una soluzione gi bollinata dalla Ragioneria esiste gi e prevede la possibilit per i distributori di accettare ancora la scheda carburanti fino al prossimo 31 dicembre creando di fatto un doppio binario. Si tutelerebbero sia i distributori che si sono attrezzati per tempo all’utilizzo obbligatorio della e-fattura sia chi al contrario in ritardo e potr comunque accettare pagamenti con la consueta scheda carburanti per le “partite Iva” che fanno il pieno.

Limiti al gioco d’azzardo

Un capitolo a parte nel Dl d’estate il contrasto al gioco d’azzardo che prende il via da subito con un divieto a tutto tondo su pubblicit, sponsorizzazioni e trasmissioni televisive di ogni forma di gioco. Stop su qualsiasi mezzo, manifestazioni sportive incluse, culturali o artistiche. Non sar escluso internet n tanto meno la stampa periodica o quotidiana. Salvo deroghe vorrebbe dire addio anche alla lotteria della Befana.

Contratti a termine pi onerosi

Nel pacchetto lavoro, i contratti a termine restano privi di causali, per una durata massima di 12 mesi. Dal primo rinnovo, bisogna indicare le causali che vengono “tipizzate” in modo rigido. Secondo la bozza, per ricorrere al contratto a termine bisogner fare riferimento ad una di queste tre motivazioni: ragioni temporanee ed oggettive, estranee all’ordinaria attivit del datore di lavoro, nonch sostitutive; connesse ad incrementi temporanei, significativi e non programmabili dell’attivit ordinaria; relative a lavorazioni e a picchi di attivit stagionali, individuati con decreto del ministero del lavoro. Si introduce l’incremento contributivo di un punto che servir a finanziare la nuova indennit di disoccupazione (in aggiunta all’1,4% introdotto dalla legge Fornero), le proroghe scendono da 5 a 4.

Stretta sulla somministrazione

Il tetto del 20% per i contratti a termine da calcolare sulla platea di lavoratori a tempo indeterminato, includer anche la somministrazione. Per gli ex interinali finora si applicava un tetto distinto, previsto dai contratti, anche se ieri sera al ministero del Lavoro si stava riflettendo se confermare o meno questa stretta, cos come resta sullo sfondo l’ipotesi di introdurre le causali dal primo contratto, e di consentire deroghe solo alla contrattazione nazionale (non pi a quella di prossimit). Le norme sui rider restano fuori: Di Maio punta ad una soluzione tra le parti per via negoziale, e marted prossimo incontrer sindacati e imprese.

Misure anti delocalizzazioni

Anche sul fronte delle delocalizzazioni sarebbe pronta una stretta che riguarda gli incentivi fiscali del piano Industria 4.0, per contrastare fenomeni speculativi. Si cercher di evitare che le multinazionali, sfruttando la stabile organizzazione in Italia, ricevano il benefico del superammortamento o dell’iperammortamento trasferendo poi il bene incentivato all’estero. Ma si valuta anche un articolo specifico sull’obbligo di salvaguardia i livelli occupazionali da parte di chi usufruisce di aiuti di Stato (industria 4.0 ma non solo). Con doppio “binario”: le grandi imprese non potrebbero ridurre il personale prima di 5 anni dal’ultimazione dell’investimento incentivato, le Pmi prima di 3 anni. La violazione dell’obbligo farebbe scattare sanzioni, con la revoca, totale o parziale, degli incentivi. Si valutano fondi per aumentare le ispezioni sull’utilizzo del credito di imposta per gli investimenti in ricerca.

© Riproduzione riservata

Fonte: ilSole24ore