fbpx
 

Affitti brevi, Airbnb verso l’esonero dal pagamento della cedolare secca

Affitti brevi, Airbnb verso l’esonero dal pagamento della cedolare secca

Airbnb Ireland (la “casa madre” per l’Europa) offre servizi «immateriali» e non è quindi assoggettabile alla disciplina sugli
agenti immobiliari contenuta nella stringente “legge Hoguet” che regola questa attività in Francia. Le conclusioni dell’avvocato
generale della Corte di Giustizia Ue nella causa C-390/18, se verranno confermate dalla sentenza, fanno ben sperare su un
punto a favore di Airbnb Italia, da anni impegnata per dimostrare che, non svolgendo attività di mediatore immobiliare, non
è tenuta a effettuare la ritenuta del 21% sugli affitti turistici a nome degli host.

LEGGI ANCHE / Affitti brevi, stop ai furbetti: Airbnb dovrà riscuotere la cedolare


Il contenuto delle conclusioni è stato comunicato dalla Corte di Giustizia. La causa è stata avviata dal Parquet de Paris
(procura di Parigi, Francia) sulla base di un contenzioso sorto tra l’Association pour un hébergement et un tourisme professionnel
(AHTOP, associazione per l’alloggio e il turismo professionale) e Airbnb Ireland, società di diritto irlandese con sede a
Dublino (Irlanda) che gestisce per tutti gli utenti stabiliti al di fuori degli Stati Uniti una piattaforma online volta
a mettere in contatto locatori e inquilini di case per le vacanze.
La questione, sollevata dal Parquet nel 2017, riguardava la supposta violazione della legge che disciplina dei requisiti
relativi all’esercizio di talune operazioni relative alla gestione di immobili e di fondi inerenti ad esercizi commerciali
(cosiddetta «legge Hoguet») riguardante, in particolare, l’attività di agente immobiliare. La AIRBNB Ireland contestava proprio
il fatto di esercitare l’attività di agente immobiliare e deduceva quindi l’inapplicabilità della legge Hoguet per incompatibilità
con la direttiva 2000/31 relativa a taluni aspetti giuridici dei servizi della società dell’informazione.

PER SAPERNE DI PIÙ / Flop della tassa Airbnb, il ministro: «Ora si cambia»

L’avvocato generale Maciej Szpunar ha presentato oggi le sue conclusioni, in relazione al fatto se il servizio fornito dalla
AIRBNB Ireland possa essere considerato quale «servizio della società dell’informazione» ai sensi della direttiva 2000/31.


L’avvocato generale ha sottolineato che, nella propria giurisprudenza, la Corte ha già avuto modo di fissare taluni criteri
relativi ai servizi misti, composti di un elemento fornito elettronicamente e di un altro non fornito per tale via. E dopo
aver esaminato il servizio fornito dalla AIRBNB Ireland alla luce di tali criteri, l’avvocato generale ha suggerito alla Corte
di rispondere alla prima questione pregiudiziale nel senso che «un servizio consistente nell’intermediazione, tramite una
piattaforma elettronica, tra potenziali locatari e locatori che offrano prestazioni di alloggio di breve durata, in una situazione
in cui il prestatore di detto servizio non eserciti un controllo sulle modalità essenziali di tali prestazioni, costituisce
un servizio della società dell’informazione, con la precisazione che il fatto che detto prestatore proponga parimenti altri
servizi a contenuto materiale non impedisce la qualificazione del servizio fornito elettronicamente come servizio della società dell’informazione, a condizione che quest’ultimo servizio non rappresenti un tutto inscindibile con i servizi medesimi».

PER SAPERNE DI PIÙ / Affitti turistici, accordo Airbnb – Regione Toscana per la riscossione


Inoltre l’avvocato generale ha osservato che, nella fattispecie, la legge Hoguet ricade, a priori, nella sfera d’applicazione
della direttiva sul commercio elettronico, trattandosi di una normativa di uno Stato membro diverso dallo Stato membro d’origine,
idoneo a restringere i servizi della società dell’informazione. ma, ha ricordato Szpunar, affinché una prescrizione fissata
da uno Stato membro diverso da quello in cui sia stabilito il prestatore dei servizi della società dell’informazione sia opponibile
a quest’ultimo e determini una restrizione della libera circolazione di tali servizi, tale prescrizione deve costituire una misura rispondente alle condizioni sostanziali e procedurali stabilite dalla direttiva
stessa.
E, continua l’avvocato generale, uno Stato membro diverso da quello d’origine può derogare alla libera circolazione dei
servizi della società dell’informazione soltanto per mezzo di provvedimenti presi «su base individuale», facendo poi presente
che, in ogni caso, incombe al giudice nazionale accertare se, tenuto conto di tutti gli elementi portati a sua conoscenza,
i provvedimenti in questione siano necessari ad assicurare la protezione del consumatore e non eccedano quanto richiesto per
il conseguimento dell’obiettivo perseguito. Inoltre, la mancata notifica della Francia all’Irlanda dei un eventuale provvedimento
restrittivo «comporta la sanzione dell’inopponibilità di un provvedimento al prestatore dei servizi medesimi».

PER SAPERNE DI PIÙ / Case vacanze e affitti online: entro l’estate codice anti-furbetti

Conseguentemente, in ordine alla questione se uno Stato membro diverso da quello di origine possa imporre, d’ufficio e senza
un esame delle condizioni sostanziali, prescrizioni relative all’esercizio della professione di agente immobiliare, come quelle
previste dalla legge Hoguet, ai prestatori di una categoria di servizi della società dell’informazione, l’avvocato generale ritiene che direttiva osti a che uno Stato membro possa restringere, in tali circostanze e con tali modalità,
la libera circolazione dei servizi della società dell’informazione provenienti da un altro Stato membro.

© Riproduzione riservata

Fonte: ilSole24ore