fbpx
 

Agenzia delle Entrate, l’allarme dei sindacati

Agenzia delle Entrate, l’allarme dei sindacati

I sindacati delle Agenzia fiscali, Confsal-Unsa, Cgil, Cisl, Uil, segnalano il pericoloso fenomeno di attacco all’agenzia
delle Entrate utilizzando come leva mediatica singoli casi di corruzione, di fatto screditando i migliaia di colleghi che
giornalmente svolgono con professionalit ed impegno la propria attivit. Il tutto in un momento che vede le Agenzie fiscali
in attesa dei direttori, che per insediarsi attendono la registrazione della Corte dei Conti.
Il Sindacato, secondo il Coordinatore Nazionale Agenzie Fiscali – Unsa, Valentino Sempreboni, non difende le “mele marce”m
che purtroppo operano in tutti i campi, ma la dignit e la dedizione dei colleghi dell’Amministrazione Finanziaria che, pur
in assenza di concreti segnali di crescita economica e professionale, continuano a prestare la propria opera nei diversi settori
delle Entrate, delle Dogane e Monopoli e del Demanio, secondo le direttive ministeriali e le regole stabilite.
I sindacati (FP Cgil, Cisl FP, UILPA e Unsa) ricordano anche il tema dei tagli alle Agenzie (per il combinato disposto della
legge 143/2013, articolo 1, comma 456 e della legge 208/2015, articolo 1, comma 236) comporta tagli aggiuntivi al salario
accessorio del personale rispetto a quelli gi in passato subiti (che per il FUA anno 2016 ammontano a oltre 55 milioni di
euro), presentato gi all’ex direttore e ora in sospeso per il cambio al vertice . “Non chiedevamo “pi soldi” – ricordano
in un comunicato – ma che si agisse per arginare la continua “emorragia” di risorse sottratte al personale e al funzionamento
della macchina del fisco solo in ossequio alle contingenze annuali di finanza pubblica e considerato che l’Agenzia delle Entrate
assicura al bilancio dello Stato circa l’80% delle entrate tributarie”.
I problemi sul tavolo sono tanti, in parte legati a una trasformazione dell’Agenzia avviata dalla precedente direzione e che
da perfezionare e completare. I sindacati scrivono di attendere l’insediamento del nuovo direttore generale affinch si
possano definire le Convenzioni 2018 – senza le quali sar difficile, ad esempio, ottenere l’anticipo FUA 2018 -, capire come
si approccer alla riorganizzazione voluta dal precedente vertice, affrontare la recente sentenza del tar che impone di indire
entro l’anno il concorso per 403 dirigenti.

© Riproduzione riservata

Fonte: ilSole24ore