Cambio del gestore telefonico? Gli addebiti successivi sono illeciti

Cambio del gestore telefonico? Gli addebiti successivi sono illeciti

il quesito del lunedì

Chi, a passaggio già avvenuto, riceve fatture dall’operatore telefonico precedente ha diritto ad avere un rimborso

di Maurizio Di Rocco

default onloading pic

2′ di lettura

Il quesito. A giugno 2018 ho cambiato gestore di linea fissa e internet, e nonostante ciò sono continuate ad arrivare tre fatture con l’importo di abbonamento di periodi successivi alla cessazione, con addebito sul mio conto corrente bancario.

Dopo un mio reclamo è stata emessa una fattura di conguaglio, con un importo a mio credito di 136,58 euro, in data 2 novembre 2018. Attualmente il gestore non ha ancora rimborsato il mal tolto, pur avendo io inviato quattro solleciti per mancato rimborso del credito. Vorrei sapere se ci sono

Ci sono delle azioni legali che mi permettano di recuperare il credito e chiedere un risarcimento danni per abuso di potere, essendo state addebitate fatture non dovute? R.A. – CAGLIARI

La risposta. La condotta tenuta dal gestore, nel caso prospettato, presenta sicuramente dei profili di illiceità, in quanto il lettore ha diritto a vedersi rimborsate tutte le fatture emesse successivamente al cambio dell’operatore.

Al fine di far valere tutte le sue ragioni, oltre a inviare una nuova diffida via Pec o a mezzo raccomandata A/R, il lettore potrà ricorrere al Co.re.com. (comitato regionale per le comunicazioni), territorialmente competente, sia per avviare una procedura di mediazione, sia per chiederne l’intervento in fase decisoria.

Fonte: ilSole24ore



WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com