fbpx
 

Concorsi: 650 assunzioni nella Pubblica Amministrazione

Concorsi: 650 assunzioni nella Pubblica Amministrazione

Due i bandi emanati dal Mef e dal Miur e pubblicati in Gazzetta Ufficiale, il primo per 400 posti di funzionari e il secondo per oltre 250 posti

di Gabriella Lax – Tempo di assunzioni per la P.A. Sono stati indetti infatti concorsi per circa 650 posti, di cui 400 dal Mef (la met gi pubblicati in GU e gli altri ad aprile) ed oltre 250 dal Miur.

Vediamo di cosa si tratta e quali sono i requisiti necessari:

Il Mef assume 400 funzionari

Sono stati pubblicati qualche giorno fa in Gazzetta Ufficiale tre bandi per l’assunzione di funzionari presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, altri tre bandi saranno pubblicati il prossimo 6 aprile 2018.

I bandi di concorso mirano all’assunzione al Mef di 400 unit di personale (con laurea) per coprire il fabbisogno di specifiche professionalit individuate dal Dipartimento dell’Amministrazione generale, del Personale e dei Servizi, (DAG), in raccordo con tutti gli altri Dipartimenti del MEF (Tesoro, Ragioneria Generale dello Stato, Finanze).

Le 400 unit di personale saranno inquadrate nel profilo di collaboratore amministrativo, Area Terza F1, e destinate agli uffici centrali e periferici del Ministero.

Si tratter di 80 unit con orientamento statistico ed economico quantitativo; 90 unit con orientamento economico aziendale e contabile; 60 unit con orientamento economico-finanziario; 50 unit con orientamento giuridico-finanziario; 40 unit con orientamento giuridico-tributario; 80 unit con orientamento giuridico nell’ambito dei servizi amministrativi trasversali.

Al concorso possono partecipare cittadini dei Paesi dell’Unione europea senza limiti di et.

Con riguardo ai bandi gi pubblicati, le iscrizioni sono aperte dal 28 marzo 2018 e termineranno il 26 aprile 2018. Con apposito avviso che sar pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 5 giugno saranno resi noti i diari delle (eventuali) prove preselettive.

Concorso del Miur per 253 posti

Il Miur, invece, mette a disposizione 253 posti per l’accesso al profilo professionale di funzionario amministrativo-giuridico-contabile, area III, posizione economica F1, del ruolo del personale del Ministero dell’istruzione, dell’universit e della ricerca, per gli uffici dell’Amministrazione centrale e periferica. Il cinque per cento dei posti a concorso riservato al personale di ruolo del Ministero dell’istruzione, dell’universit e della ricerca in possesso dei requisiti di cui al successivo art. 3.I posti riservati, qualora non coperti, sono assegnati agli altri concorrenti in ordine di graduatoria.

I 253 posti, di cui al bando pubblicato in Gazzetta Ufficiale (sotto allegato) sono cos ripartiti: 50 nell’amministrazione centrale, 7 in Abruzzo, 4 in Basilicata, 8 in Calabria, 19 in Campania, 10 in Emilia Romagna, 5 in Friuli Venezia Giulia, 9 in Liguria, 12 nel Lazio, 30 in Lombardia, 7 nelle Marche, 4 in Molise, 16 in Piemonte, 15 in Puglia, 9 in Sardegna, 17 in Sicilia, 12 in Toscana, 5 in Umbria e 14 in Veneto.

I requisiti richiesti sono: cittadinanza italiana o di uno degli Stati membri dell’Unione europea, oppure cittadinanza di uno Stato diverso da quelli appartenenti all’Unione europea; godimento dei diritti civili e politici negli Stati di appartenenza o di provenienza; diploma di laurea (DL), oppure laurea specialistica (LS) o laurea magistrale (LM) rilasciati da universit statali e non statali accreditate dal Ministero dell’istruzione, dell’universit e della ricerca. I titoli accademici rilasciati dalle Universit straniere saranno considerati utili purch riconosciuti equiparati alle lauree suddette; richiesta l’idoneit allo svolgimento delle mansioni relative al posto da ricoprire; e posizione regolare nei confronti del servizio di leva per i cittadini soggetti a tale obbligo.

La presentazione della domanda di partecipazione al concorso potr avvenire unicamente utilizzando l’applicazione accessibile al seguente indirizzo web: bando253funzionari-miur.cineca.it mediante registrazione all’applicazione stessa o utilizzo di credenziali SPID.

Fonte: Studio Cataldi