fbpx
 

Costi occulti nella telefonia mobile: come difendersi?

Costi occulti nella telefonia mobile: come difendersi?

Telefonia mobile, come difendersi dai 10 costi occulti che le compagnie addebitano illegittimamente agli utenti

di Annamaria Villafrate – Sono 10 i costi “occulti” denunciati all’Antitrust dall’Unione nazionale consumatori (UNC), che ha visto triplicare le segnalazioni ai propri sportelli, dopo il cambiamento della fatturazione a 28 giorni. Si tratta dei servizi per richiamare l’utente, quelli di segreteria telefonica, i piani tariffari base, i “costi di incasso” e gli “altri costi”, le offerte all inclusive, gli antivirus, le chiamate per controllare il credito residuo, il servizio tethering, le penali per il recesso e i costi di attivazione. La notizia non stupisce, visto che da anni l’Agcom subissata da segnalazioni e reclami nei confronti delle grandi compagnie telefoniche per pratiche commerciali scorrette. Ci che stupisce piuttosto la condotta imperterrita di TIM, WIND, FASTWEB, TRE E VODAFONE, che preferiscono pagare multe salatissime all’Agcom piuttosto che attenersi alle regole e fidelizzare la propria clientela. Sarebbe sufficiente un team di avvocati esperti in contratti telefonici e tutela del consumatore per risolvere il problema dei contratti “poco trasparenti”. Nel frattempo non resta che difendersi.

Indice:

  1. Costi occulti in bolletta: la vicenda
  2. Costi occulti: quali sono?
  3. Servizio notifica chiamate ricevute
  4. Servizio di segreteria telefonica
  5. Tariffe base
  6. Costi dincasso o altri costi
  7. Tutto incluso
  8. Credito residuo
  9. Antivirus a pagamento
  10. Servizio tethering
  11. Penali in caso di recesso
  12. Costi di attivazione nei punti vendita
  13. Costi occulti cellulare, come difendersi

Costi occulti in bolletta: la vicenda

Costi addebitati in modalit poco trasparenti. Questo in sostanza il contenuto della denuncia che l’Unione civile consumatori ha presentato all’Antitrust. Il disastro nasce dal passaggio delle bollette da 28 a 30 giorni con aumenti. Dopo l’eco mediatica di questa azione, l’Autorit per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) il 15 marzo 2018 ha pubblicato un comunicato stampa del seguente tenore: “Con riferimento ad alcuni articoli apparsi sui mezzi d’informazione relativamente alle ulteriori diffide notificate agli operatori di telefonia fissa, l’Autorit per le Garanzie nelle Comunicazioni precisa quanto segue. Nelle delibere assunte (112, 113, 114, 155/18/CONS) e pubblicate sul proprio sito web viene chiaramente indicato che la decorrenza delle fatture emesse dopo il ripristino della cadenza mensile dovr essere posticipata di un numero di giorni corrispondente a quelli indebitamente erosi a causa del passaggio alla fatturazione a 28 giorni, a partire dal 23 giugno 2017, ovvero dalla data successiva di sottoscrizione del contratto. Non risponde dunque alla decisione adottata dal Consiglio dell’Autorit quanto riportato da alcuni organi di stampa, secondo cui esisterebbe un limite massimo di 15 giorni per il reintegro spettante agli utenti. Restano ovviamente impregiudicati i rimborsi, su cui dovr pronunciarsi il TAR del Lazio, spettanti a quegli utenti che risulteranno aver cambiato operatore successivamente alla predetta data del 23 giugno 2017”.

Chiarito questo punto, del cui esito si attende lo sviluppo, passiamo ora ad analizzare i costi occulti della telefonia mobile.

Costi occulti: quali sono?

I 10 costi addebitati ingiustamente agli utenti della telefonia mobile sono “apparentemente” esigui, al limite del “ridicolo”, se non fosse per la legge dei numeri. E’ sufficiente fermarsi un attimo a riflettere sul fatto che tutti oggi possiedono uno o pi cellulari o smartphone per comprendere l’importanza delle cifre di cui stiamo parlando. Ma quali sono questi costi che provocano tanto fastidio ai consumatori ignari? Eccoli:

  1. servizi per richiamare l’utente
  2. servizi di segreteria telefonica
  3. piani tariffari base
  4. costi di incasso o costi variazione
  5. offerte all inclusive
  6. antivirus
  7. controllo credito residuo
  8. costi del servizio tethering
  9. penali per il recesso
  10. costi di attivazione

Detto questo vediamo ora di analizzarli singolarmente per capire meglio come difendersi.

Servizio notifica chiamate ricevute

Si tratta del servizio che informa l’utente che qualcuno l’ha chiamato, ma non riuscito a contattarlo. A differenza di quanto taciuto dalle compagnie telefoniche, si tratta di un servizio a pagamento. Ecco quanto costa:

  • VODAFONE: 0,12 al giorno se utilizzato;
  • WIND 0,19 a settimana;
  • TRE 1,50 al mese;
  • TIM 1,90 bimestralmente.

Servizio di segreteria telefonica

Stesso discorso per il servizio di segreteria telefonica per il quale:

  • TRE fa pagare 0,20 a chiamata anche se il messaggio non viene ascoltato;
  • TIM applica costi diversi in base al piano tariffario;
  • VODAFONE chiede 1,50 al giorno, solo se utilizzato, per ogni chiamata ascoltata e per la personalizzazione delle impostazioni.

Tariffe base

I piani tariffari di base di TIM, VODAFONE E WIND prevedono il costo di circa 0,50 centesimi a settimana. Particolarmente furba la pratica di TIM, che attiva la tariffa “TIM Base” gratuitamente per i primi 30 giorni ogni volta che si attiva una promozione, prevedendo per la disattivazione un costo di 3,00. In sostanza si deve pagare per disattivare un servizio non richiesto e di cui nessuno fornisce informazioni adeguate.

Costi dincasso o altri costi

L’utilizzo volutamente generico e decisamente poco trasparente di queste voci non aiuta l’utente consumatore a comprendere in che cosa consistono questi esborsi. Insomma un mistero ancora tutto da scoprire.

Tutto incluso

La strategia pi markettara delle compagnie telefoniche riguarda per la formula “tutto incluso”. La formula “all inclusive” infatti la pi utilizzata per ingolosire il cliente, a cui viene taciuta la presenza di costi aggiuntivi che quindi costretto a sostenere nella pi totale inconsapevolezza.

Credito residuo

Il servizio che consente all’utente di conoscere il credito residuo uno dei pi utilizzati. Tutti gli operatori lo offrono gratuitamente, tranne VODAFONE, che richiede 0,40 per ogni telefonata al numero dedicato. Condotta ancor pi contraddittoria se si pensa che, per lo stesso servizio, su app o sul sito non si paga nulla.

Antivirus a pagamento

Si tratta in questo caso del servizio antivirus di VODAFONE “Rete sicura”, il cui costo e funzionamento non viene reso noto agli utenti, se non nel momento in cui si vedono addebitare il costo. Inserito nel momento in cui viene attivata la sim, l’antivirus gratuito per i primi 3 rinnovi, poi si paga 1 ogni 4 settimane.

Servizio tethering

Anche in questo caso si parla di VODAFONE, che non informa il cliente del fatto che il servizio di navigazione in modalit hotspot comporta un costo aggiuntivo. Per questa condotta la compagnia stata diffidata anche dall’Agcom.

Penali in caso di recesso

La regola prevede che, se l’utente recede prima della scadenza del contratto perch non accetta le modifiche contrattuali proposte dal gestore, nulla dovuto. Ignorando completamente questa regola, TIM, WIND, TRE E VODAFONE applicano costi variabili in caso di recesso.

Costi di attivazione nei punti vendita

Una pratica curiosa, infine quella di far pagare il costo di attivazione della sim se l’utente si reca fisicamente in un centro TIM, WIND, TRE, VODAFONE E FASTWEB, quando per quella online non richiesto alcunch.

Costi occulti cellulare, come difendersi

Per sostenere l’azione dell’associazione si pu aderire all’invito che l’Unione nazionale consumatori ha rivolto ai clienti delle compagnie telefoniche interessate, di rendere pubbliche sui social network le proprie esperienze negative utilizzando l’hashtag #costinascosti.

Per chi invece desidera portare all’attenzione dell’Agcom o dell’Antistrust, un sopruso subito dalla propria compagnia telefonica in relazione a costi nascosti o a pratiche commerciali scorrette, pu:

Un consiglio? Affidatevi a legali esperti. La materia dei contratti telefonici presuppone una serie di conoscenze tecniche, anche di natura informatica e tecnologica, che solo un avvocato che ha gi trattato pratiche simili pu avere.

Fonte: Studio Cataldi