fbpx
 

Decreto Terremoto è legge

Decreto Terremoto è legge

Via libera definitivo della Camera al decreto terremoto, contenente misure a favore dei territori colpiti dai sisma del centro Italia. Le novit e il testo in allegato

di Redazione – S bipartisan al decreto terremoto che diventa effettivamente legge dello stato. Il ddl di conversione del decreto legge n. 55/2018 contenente misure a favore dei territori delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria colpite dai terremoti del centro Italia, infatti, ha incassato oggi il s definitivo della Camera (con 398 s, 98 astensioni e nessun contrario), sul testo approvato nei giorni scorsi al Senato.

Il via libera stato salutato con un applauso dell’assemblea. La commissaria alla ricostruzione in scadenza Paola De Micheli ha pubblicamente ringraziato per l’impegno comune e il lavoro svolto il Parlamento e i governi attuale e precedente. “Vi chiedo ha affermato a margine dell’approvazione – di avere sempre come Istituzioni uno spirito unitario e condiviso nell’affrontare il dopo terremoto. I cittadini di quelle zone non hanno bisogno solo di buone leggi ma anche di fiducia. Invito tutti i parlamentari, anche quelli di altri territori, a venire a visitare le zone terremotate. Tutti i giorni abbiamo motivi per dividerci. La sfida del territorio durissima. Credo che ce la possiamo fare solo se come Istituzioni la affrontiamo uniti”.

Scarica il testo del decreto terremoto approvato sul sito della Camera

Decreto terremoto: le misure in breve

Tra le misure contenute nel decreto terremoto approvato ci sono la proroga a fine anno dello stato di emergenza, oltre a quella del pagamento dei mutui, dello stop al pagamento di bollette, premi assicurativi e contributi previdenziali e assistenziali.

Prevista anche una procedura accelerata per le domande di sanatoria concernenti piccoli abusi e una sanatoria temporanea per chi ha costruito casette di emergenza.

Contenuto nel provvedimento anche l’allungamento dei tempi per risolvere con Bruxelles la questione della “no tax area” de L’Aquila (leggi: Sisma Abruzzo: l’Ue chiede indietro i soldi delle tasse sospese), nonch agevolazioni per la ricostruzione degli edifici di culto colpiti dal terremoto e il rifinanziamento della cassa integrazione per i dipendenti dello stabilimento delle Marche della Whirlpool.

Fonte: Studio Cataldi