fbpx
 

Divieto di fumo sulle spiagge del Sassarese

Divieto di fumo sulle spiagge del Sassarese

Svolta “green” al Comune di Sassari con il nuovo regolamento sulla gestione dei rifiuti. Il Consiglio comunale ha dato il via libera, con una votazione all’unanimit, al dispositivo che regoler, dal 1 gennaio
2020 l’intero sistema nell’ambito del territorio cittadino.

A Parigi divieto di fumo anche nei parchi e nelle piazze

Il provvedimento viene approvato seguendo la filosofia improntata al rispetto dell’ambiente – spiega il sindaco Nicola Sanna
– che deve partire dalle buone pratiche anche in materia di rifiuti.

Nel provvedimento sono indicati sia i divieti sia le sanzioni che saranno applicate in caso di violazione. Buone pratiche
che riguardano, tra le altre cose, anche l’obbligo per i proprietari dei cani di raccogliere le deiezioni dei propri animali.


Una delle novit riguarda il divieto di fumo in tutti gli arenili che ricadono in area comunale di Sassari. Per i fumatori, si legge nel dispositivo, saranno istituiti appositi spazi. Sono
escluse dal provvedimento le sigarette elettroniche. Non meno importante, poi la questione plastica: banditi piatti, bicchieri, posate, cannucce e contenitori dalle spiagge, dai parchi, dalle pinete e dalle aree verdi. Non solo, i divieti sono estesi anche a manifestazioni all’aperto
che includono le processioni, le feste patronali e i concerti. Tra le novit quella che vieta di liberare in cielo i palloncini. Studi recenti hanno appurato che sono dannosi per l’avifauna – argomenta il sindaco – e, proprio per questo motivo, si
deciso di estendere i divieti anche a questo tipo di oggetti. Fanno eccezione quelli in materiale biocompatibile gonfiati
ad aria, “solo se autorizzati”.


Non tutto. Il nuovo regolamento vieta anche la diffusione di volantini pubblicitari o elettorali sia nelle cassette delle lettere sistemate lungo le strade pubbliche sia il posizionamento sotto
i tergicristalli delle auto. Vietata, in maniera esplicita, inoltre la possibilit di lanciare a terra volantini. Quanto alle
sanzioni amministrative: vanno da un minimo di 25 euro a un massimo di 500 euro a seconda dei casi e della gravit della violazione.

© Riproduzione riservata

Fonte: ilSole24ore