fbpx
 

Epap, l’ente pluricategoriale, stima un patrimonio di 960 milioni nel 2019

Epap, l’ente pluricategoriale, stima un patrimonio di 960 milioni nel 2019

L’Epap, l’ente di previdenza pluricategoriale di dottori agronomi e dottori forestali, geologi, chimi-fisici e attuari ha
approvato ieri il bilancio preventivo per il 2019. Il patriomonio 2019 ammonter a 960 milioni (contro i 900 circa del 2018)
le entrate contributive sono stimate intorno ai 55 milioni a fronte di uscite per prestazioni di 13,7 milioni.
L’ente, che conta circa 30mila iscritti (di cui 18.039 attivi, 2.229 pensionati per la met ancora in attivit, e gli altri
“cessati”) , risente della crisi degli ultimi anni e del calo dei redditi delle diverse professioni e sta proseguendo nella
sua politica di contenimento dei costi e di recupero delle quote non versate. La perdurante stagnazione dei volumi d’affari
degli ultimi anni ha stabilizzato intorno ai 10 milioni di euro il gettito dei contributi integrativi, inferiore di oltre
il 20% rispetto al dato di inizio decennio.
un bilancio che ancora una volta fa rientrare i costi intermedi nel limite delle spese sostenute dall’Ente nel 2010 – sottolinea
il Presidente Stefano Poeta. Ci sulla scia della positiva gestione 2018 che, per la prima volta in molti anni, evidenza una
perfetta corrispondenza tra il previsionale e l’assestato tale da rendere superfluo l’ordinario aggiustamento autunnale del
bilancio.
Nel 2019 Epap aspetta l’approvazione ministeriale per la distribuzione agli iscritti del cosiddetto extrarendimento 2013-2016
, ossia di parte della differenza tra rendimento degli investimenti e gli importi destinati alle rivalutazioni di legge. Al
riguardo, l’Ente ha inviato ai Ministeri vigilanti la delibera che prevede la distribuzione agli iscritti di oltre 21 milioni
di euro riferiti alle gestioni 2013, 2014, 2015 e 2016, corrispondente a circa il 4% del valore dei montanti, mentre in
previsione la predisposizione di quella relativa alla distribuzione di parte degli avanzi di gestione 2017.

© Riproduzione riservata

Fonte: ilSole24ore