fbpx
 

L'operatore del settore alimentare

L'operatore del settore alimentare

Definizione, ruolo e obblighi gravanti sull’operatore del settore alimentare (OSA)

di Enrico Elio Palumbieri – Il regolamento che dev’essere preso come punto di riferimento per ogni definizione nel settore alimentare il c.d. G.F.L. (General Food Law), ovvero il regolamento (CE) 178/2002. All’art. 3 n. 3), il G.F.L. fornisce anche la definizione di operatore del settore alimentare (OSA), da intendersi come <<la persona fisica o giuridica responsabile di garantire il rispetto delle disposizioni della legislazione alimentare nell’impresa alimentare posta sotto il suo controllo>>.

Il profilo soggettivo

Sotto il profilo soggettivo il regolamento evidenzia l’intento di individuare un responsabile delle attivit d’impresa, indipendentemente dall’esatta individuazione di una persona fisica o di una giuridica. Questo intento viene, peraltro, ribadito anche nelle norme regolanti la produzione di mangimi all’art. 3 n. 6 del regolamento CE n. 178/2002 e trova ulteriori risconti nei regolamenti del c.d. pacchetto igiene a dimostrare la necessit di individuare un responsabile all’interno dell’impresa. La ratio della norma va ricercata nella possibilit, per l’operatore del settore alimentare di elaborare, meglio di chiunque altro, sistemi sicuri per l’approvvigionamento alimentare e per garantire la sicurezza dei prodotti finali secondo quanto posto in evidenza nella proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio poi sfociata proprio nel G.F.L.. Tale approccio ha, peraltro, segnato anche un distacco con quello antecedente proprio di alcuni paesi europei che gravavano l’autorit pubblica della medesima responsabilit. La responsabilit dell’autorit pubblica , oggi, limitata ai controlli ufficiali secondo quanto previsto dal regolamento (CE) n. 882/2004 il quale all’art. 1 n. 4, nel definire il proprio campo di applicazione, specifica che <<l’esecuzione dei controlli ufficiali ai sensi del presente regolamento lascia impregiudicata la responsabilit legale, in via principale, degli operatori del settore per la sicurezza dei mangimi e degli alimenti, come previsto dal regolamento (CE) n. 178/2002 e la responsabilit civile o penale risultante dalla violazione dei loro obblighi>>.

Il profilo oggettivo

L’operatore del settore alimentare tenuto a garantire, nell’impresa controllata, il rispetto delle norme della legislazione alimentare in tutte le fasi di produzione, trasformazione e distribuzione. In tali fasi vanno altres incluse le attivit di importazione ed esportazione ai sensi degli artt. 11 e 12 del G.F.L..

Gli obblighi dell’operatore del settore alimentare

In linea generale e procedendo con ordine possibile evidenziare che l’OSA tenuto, ai sensi del reg. 178/2002:

– – a non porre sul mercato alimenti a rischio secondo quanto previsto dall’art. 14;

– – a ritirare o richiamare i prodotti non sicuri ai sensi dell’art. 19;

– – a provvedere alla rintracciabilit degli alimenti ex. art. 18;

– – a rispettare, nei confronti della pubblica autorit e dei consumatori, un generale obbligo di trasparenza e comunicazione secondo la previsione di cui all’art. 19.

Altri obblighi gravanti sull’operatore del settore alimentare vengono imposti dal regolamento (CE) 852/2004 e dal regolamento (UE) 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori.

Dott. Elio Enrico Palumbieri

www.studiolegalepalumbieri.it

ep@studiolegalepalumbieri.it

Tel: 3203427622

skype: eliopalumbieri

Linkedin: it.linkedin.com/in/eliopalumbieri

Facebook: facebook.com/eliopalumbieri

Instagram: @eliopalumbieri

Fonte: Studio Cataldi