fbpx
 

Niente mantenimento all`ex marito capace di lavorare

Niente mantenimento all`ex marito capace di lavorare

La Cassazione nega l’esborso confermando la rilevanza del bagaglio professionale e la capacit di svolgere attivit lavorativa

di Lucia Izzo – Va negato l’assegno di mantenimento all’ex marito se sono accertate la sua esperienze professionali e la capacit di svolgere attivit lavorativa.

Tanto si desume dall’ordinanza n. 15166/2018 (qui sotto allegata) con cui la Corte di Cassazione, sesta sezione civile, si pronunciata sul ricorso di un ex marito.

A essere impugnata in sede di legittimit la sentenza con cui la Corte d’Appello, in parziale riforma della pronuncia di separazione personale dei coniugi, aveva escluso che il marito avesse diritto all’assegno di mantenimento e lo aveva condannato al pagamento dei due terzi delle spese di lite.

Niente mantenimento all’ex con esperienza e capace di lavorare

Una conclusione che, nonostante il gravame proposto dallo stesso marito, viene accolta anche in Cassazione. Nel dettaglio, gli Ermellini rimarcano come l’esborso nei suoi confronti fosse stato negato in base alla ritenuta sua possibilit di svolgere attivit lavorativa, in particolare essendo acclarata l’esperienza pluriennale dell’uomo nel capo delle investigazioni private.

La rilevanza del suo bagaglio professionale e della sua capacit di lavorare frutto, sottolineani giudici, di una valutazione di fatto che incensurabile in sede di legittimit ed idonea, gi da sola, a sorreggere la conclusione.

La Cassazione, infatti, rammenta come l’apprezzamento dei presupposti per il riconoscimento dell’assegno di mantenimento, in sede di suo accertamento ed eventualmente la sua graduazione nel tempo, costituisce prerogativa del giudice del merito e non soggiace alla necessit di deduzione di fatti sopravvenuti che ne consentono la revisione.

Il ricorso va dunque rigettato e il ricorrente condannato anche al pagamento delle spese di lite.

Fonte: Studio Cataldi