fbpx
 

Pensioni: come verificare i contributi

Pensioni: come verificare i contributi

L’Inps mette a disposizione un servizio che tutti i lavoratori dovrebbero utilizzare almeno ogni cinque anni per non rischiare di perdere definitivamente alcuni contributi

di Valeria Zeppilli La verifica del corretto versamento dei propri contributi un’operazione che tutti i lavoratori dovrebbero compiere almeno con cadenza quinquennale, per evitare spiacevoli sorprese e non rischiare di non poter pi recuperare i contributi non versati e ormai prescritti.

Il controllo del proprio estratto contributivo deve concentrarsi, soprattutto, sui contributi cd. figurativi, che sono dei contributi accreditati pienamente, senza onere a carico dei lavoratori, durante dei periodi tassativamente individuati dalla legge in cui l’attivit lavorativa sia stata interrotta o sia risultata ridotta. I contributi figurativi, infatti, servono comunque per raggiungere i requisiti per aver diritto alla pensione e influiscono sull’importo di questa.

Pensioni: la verifica dell’estratto contributivo

La verifica del proprio estratto contributivo , peraltro, una cosa molto agevole: tutti i lavoratori possono effettuarla comodamente da casa propria accedendo ai servizi online messi a disposizione dall’Istituto. Eventualmente, se non si troppo pratici, si potr chiedere l’aiuto di un patronato.

Nel dettaglio, cliccando qui, si accede al servizio Inps di Estratto conto contributivo.

La pagina chiede l’inserimento del codice PIN, attraverso il quale il lavoratore riconosciuto nel portale e pu consultare in tutta sicurezza l’elenco dei contributi versati sulla propria posizione.

Nel caso in cui i contributi siano stati versati in gestioni diverse, l’estratto conto suddiviso in schede diverse, accessibili singolarmente.

Chi pu accedere all’estratto conto contributivo Inps

Il servizio Estratto conto contributivo dell’Inps pu essere utilizzato:

  • dai dipendenti del settore privato,
  • dai lavoratori autonomi,
  • dagli iscritti alla gestione separata,
  • dagli iscritti al fondo clero,
  • dai lavoratori dello spettacolo e dagli sportivi professionisti.

Esso non ancora disponibile per gli iscritti alla gestione dipendenti pubblici, per i quali in corso una fase di sperimentazione che coinvolge a campione un milione di assicurati.

Leggi anche Pensioni: ecco i principali strumenti di calcolo

Fonte: Studio Cataldi