fbpx
 

Precompilata, tempo fino all’8 marzo per opporsi alle spese sanitarie

Precompilata, tempo fino all’8 marzo per opporsi alle spese sanitarie

C’ tempo fino all’8 marzo per consultare il dettaglio delle proprie spese sanitarie, sostenute nel corso del 2017 e certificate da scontrini fiscali e fatture emessi da soggetti come farmacie, laboratori, Asl, ospedali e professionisti. In caso di errori, sar eventualmente possibile fare opposizione. La scadenza stata appena comunicata dal ministero dell’Economia in una nota, nella quale il Governo ricorda ai cittadini che ci sono ancora pochi giorni per accedere al sito www.sistemats.it della Ragioneria generale dello Stato e mettere in moto questa procedura.

La scadenza della precompilata

In vista della predisposizione da parte dell’agenzia delle Entrate della dichiarazione dei redditi precompilata i cittadini hanno, allora, la possibilit fino all’8 marzo 2018 di accedere al sito www.sistemats.it della Ragioneria
generale dello Stato per consultare online le proprie spese sanitarie sostenute nell’anno 2017.

Le spese sanitarie

Il Mef spiega che al centro della procedura ci sono le spese documentate dagli scontrini, ricevute fiscali e fatture, emesse dalle strutture sanitarie (farmacie,
parafarmacie, Asl, laboratori, ambulatori, ospedali, case di cura, ottici, etc), dai medici chirurghi, odontoiatri, psicologi, veterinari, nonch dai professionisti sanitari (infermieri, tecnici di radiologia), che hanno provveduto a trasmettere informaticamente questi dati al Sistema Tessera sanitaria entro la scadenza prevista (8 febbraio 2018).

L’opposizione

La consultazione, in osservanza del sistema di tutela della privacy, finalizzata a consentire al cittadino di fare opposizione, impedendo in tal modo all’Agenzia
di inserire automaticamente nella dichiarazione dei redditi precompilata le proprie spese sanitarie. Resta – va ricordato – la facolt per il contribuente di inserire per conto proprio le spese sanitarie nella dichiarazione dei redditi per ottenere le relative detrazioni.

© Riproduzione riservata

Fonte: ilSole24ore