fbpx
 

Reddito di cittadinanza, per le Regioni su «navigator» rischi costituzionalità

Reddito di cittadinanza, per le Regioni su «navigator» rischi costituzionalità

Le regioni bocciano i navigator, i 6mila “coach” che il governo ha intenzione di selezionare tra marzo e aprile (con colloqui
e valutazione titoli), chiamati ad affiancare i percettori di reddito di cittadinanza nella ricerca attiva di un impiego.
Sulla figura dei navigator «si crea un problema pregiudiziale sulle competenze e un importante profilo di costituzionalità
– visto che – c’è sovrapposizione nel profilo e nell’operato» di queste figure assunte «con contratti precari» dall’Anpal
e non dalle Regioni. Lo dice in audizione sul decretone Cristina Grieco, coordinatore degli assessori al Lavoro, ricordando
che la «responsabilità dei centri per l’impiego e le competenza nelle politiche attive e nella formazione è delle Regioni»
che chiedono invece di sbloccare
«5.600 assunzioni strutturali» che sono in attesa.

PER SAPERNE DI PIÙ / Sui centri per l’impiego rebus delle procedure

Diversi punti del “decretone” non convincono le autonomie territoriali, che a titolo V della Costituzione invariato, mantengono
potestà concorrente sulle politiche attive: «Le piattaforme informatiche, centrali per gestire il reddito di cittadinanza,
non le abbiamo ancora viste – sottolinea Cristina Grieco, assessore al lavoro della regione Toscana, e coordinatrice degli
assessori regionali al lavoro -. È necessario poi un maggior coinvolgimento, in prima battuta, dei servizi comunali, e, successivamente,
dei centri per l’impiego, visto che solo una fetta dei potenziali fruitori della nuova misura è subito occupabile». Secondo
stime regionali, si tratterebbe di una percentuale che oscilla tra il 30-35%, a fronte del restante 60-65% che, invece, ha
immediatamente bisogno di altre forme di sostegno (ad esempio, assistenti sociali o psicologi).

GUARDA IL VIDEO – Reddito di cittadinanza in numeri: dai 100 euro in contanti agli incentivi per le assunzioni


Attesa nei centri per l’impiego
Al ministero del Lavoro (che ancora deve sbloccare i decreti per assumere i 1.600 già previsti dal precedente governo e i
4mila nuovi operatori dei Cpi, ndr) «continuiamo a chiedere con insistenza un patto con le regioni per condividere un piano sui tempi, obiettivi e modalità
di attuazione del reddito di cittadinanza – aggiunge Claudio Di Berardino, assessore al lavoro del Lazio -. Un reale confronto
a oggi non c’è stato. Occorre, inoltre, avviare un dialogo con le imprese per allacciare un solido rapporto di collaborazione
tra centri per l’impiego e datori di lavoro: solo così il reddito sarà una vera politica attiva del lavoro e non una misura
di assistenza».

Nei centri per l’impiego, per ora, la situazione è d’attesa. Al Sud, come emerge dall’inchiesta sul campo del Sole 24 Ore,
c’è un po’ più di vivacità, con un incremento delle visite nei Cpi per iniziare a familiarizzare con i primi adempimenti
in vista dell’avvio effettivo del reddito di cittadinanza. Qualcuno ha chiesto anche informazioni su come candidarsi a “navigator”,
mentre la ministra della Pa, Giulia Bongiorno, ha escluso che si possa attingere dai concorsi banditi dalla Pa: le assunzioni
dei 6mila “coach” le farà infatti Anpal Servizi, una società fuori dal perimetro pubblico.

GUARDA IL VIDEO – Reddito di cittadinanza: ecco i 5 incentivi cumulabili per aumentare l’assegno


I primi dubbi dei tecnici
Il “decretone” è intanto stato incardinato al Senato (lunedì inizieranno le audizioni); ma già nel primo dossier dei tecnici
delle Camere si sollevano dubbi sul testo. Intanto, il requisito (per gli stranieri) della residenza in Italia da almeno 10
anni sarebbe “a rischio incostituzionalità” (nel dossier viene ricordato come requisiti di “molto superiori” ai 5 anni di
residenza per le prestazioni sociali per gli stranieri siano già stati bocciati dalla Corte costituzionale). Secondo i tecnici
di Camera e Senato andrebbe chiarita anche la norma sul carcere (da due a sei anni per chi fa il furbo) e specificato pure
se esista, o meno, un tetto alla fruizione del reddito (il provvedimento parla genericamente di 18 mesi, rinnovabili, dopo
un mese di stop, di altri 18).

GUARDA IL VIDEO – Reddito di cittadinanza, chi sono e quanto guadagnano i «navigator»

La macchina degli adempimenti si è già messa in moto: secondo fonti M5S sarebbero già state date in stampa da Poste italiane
oltre tre milioni di card (dove accreditare la misura). A muoversi sono anche i potenziali beneficiari: i Caf confermano un’impennata
delle presenze. «Abbiamo registrato un aumento di affluenza in queste settimane anche solo per avere informazioni. E abbiamo
avuto un picco di richieste di nuovi Isee, almeno il 15-20% in più rispetto all’anno scorso», evidenzia Mauro Soldini, coordinatore
della Consulta nazionale dei Caf insieme a Massimo Bagnoli. «Se nel 2018 abbiamo chiuso circa 6,2 milioni di Isee, ci aspettiamo
di lavorarne 7,5 milioni quest’anno non solo per il reddito di cittadinanza, ma anche per il bonus bebè e per il saldo e stralcio»,
aggiunge Soldini. Che segnala però il ritardo dell’Inps nella sigla della nuova convenzione con i Caf: «Abbiamo bisogno di
certezze sulle risorse che non possono essere le stesse dell’anno scorso visto che avremo molto più lavoro da svolgere, in
particolare sul reddito».

© Riproduzione riservata

Fonte: ilSole24ore