fbpx
 

Riforma copyright: ok definitivo con Italia contraria

Riforma copyright: ok definitivo con Italia contraria

di Annamaria Villafrate – Approvata in via definitiva la direttiva sul copyright. Una volta pubblicata sulla Gazzetta ufficiale, gli Stati avranno due anni per recepirla. I lavori sono iniziati nel 2016. Ben tre anni quindi per elaborare la direttiva sul diritto d’autore a livello europeo. Esigenza che nasce dal divario esistente tra i colossi del web, Google e Facebook in testa e gli editori, privi del medesimo potere contrattuale, che finora hanno visto diffondere i loro contenuti, senza percepire alcunché. L’entusiasmo per il risultato non è stato però condiviso da tutti i paesi UE. Hanno infatti espresso voto contrario Italia, Svezia, Finlandia, Polonia, Olanda e Lussemburgo. Astenuti invece Slovenia, Estonia e Belgio. La Germania ha invece invitato la Commissione a non mettere filtri agli upload e a non introdurre censure ai contenuti.

Polemiche, scontri e discussioni non hanno impedito l’approvazione del testo, che presenta, tra le altre, le seguenti principali novità:

Fonte: Studio Cataldi