fbpx
 

Rottamazione cartelle, salvagente per gli esclusi: in arrivo 60mila lettere

Rottamazione cartelle, salvagente per gli esclusi: in arrivo 60mila lettere

Possibilit di rientro ai vecchi piani di rateizzazione delle cartelle per chi ha definitivamente perso il treno della rottamazione. Parte nelle prossime settimane una nuova “operazione compliance” dell’amministrazione finanziaria voluta dal presidente di Agenzia entrate-Riscossione, Ernesto Maria Ruffini, per offrire un ultimo salvagente agli oltre 60mila contribuenti – tra 1,2 milioni di quelli che hanno aderito alla sanatoria – non si messo in regola con i pagamenti entro il 7 dicembre scorso.

La strategia della compliance si estende per la prima volta anche alla fase della riscossione dopo i quasi 600mila alert preventivi che le Entrate hanno invece inviato nel 2017 per evitare accertamenti e per dialogare con i contribuenti invitandoli al ravvedimento operoso. Nel caso delle cartelle esattoriali, le circa 60mila lettere (ma il numero non ancora definitivo) di cui Il Sole 24 Ore ha visionato le prime bozze non possono ovviamente pi spingere al ravvedimento ma ricordano ai debitori che la legge offre loro un’altra possibilit dopo aver aderito alla rottamazione senza per aver pagato la prima o unica rata in scadenza lo scorso 7 dicembre 2017. Peraltro dopo i tempi supplementari concessi dal decreto fiscale collegato alla manovra di bilancio.

La nuova chance in realt un ritorno al passato. Chi aveva un piano di rateazione in corso alla data di presentazione della domanda di adesione alla definizione agevolata pu rientrare in quel meccanismo di pagamento scaglionato che naturalmente non prevede lo sconto su sanzioni e interessi previsto invece dalla rottamazione. Il vantaggio per rappresentato dalla possibilit di diluire nel tempo il debito fino a un massimo di 72 rate (sei anni)o addirittura 120 (10 anni) nei casi di comprovata difficolt economica in cui comunque garantita la solvibilit.

Nell’operazione compliance sulla riscossione, il ritorno al passato consiste in una comunicazione del debito residuo, senza oneri aggiuntivi, e delle nuove scadenze di pagamento dilazionato. Del resto questo rappresenta uno dei principali problemi aperti per i soggetti decaduti dalla prima rottamazione delle cartelle, tanto vero che sono gi arrivati al riguardo al forum di Telefisco 2018 per ottenere chiarimenti dall’amministrazione finanziaria (l’appuntamento per gioved 1 febbraio). Per fare un esempio il contribuente che con un piano ancora attivo di 10 rate prima di aderire alla rottamazione aveva saldato 4 pagamenti, sar avvisato con la lettera che dovr saldare ancora 6 mensilit prima di estinguere del tutto il suo debito, naturalmente al netto degli importi gi pagati.

Per i decaduti l’invito a risalire sul treno della rateazione costituisce l’ultima possibilit di evitare l’utilizzo delle maniere forti da parte dell’agente della riscossione con l’avvio di misure cautelari come ipoteche o ganasce fiscali o ancora di pi con i procedimenti esecutivi come i pignoramenti presso terzi (conti correnti, stipendi o pensioni) o di beni mobili o immobili.

Per questi soggetti, infatti, la definizione agevolata riproposta con la manovra di fine anno, avendo saltato il pagamento del 7 dicembre, resta del tutto preclusa. La rottamazione-bis vale per i contribuenti con ruoli datati dal 1 gennaio al 30 settembre 2017 o con carichi affidati alla riscossione dal 2000 al 2016 ma a condizione che non sia stata presentata domanda per la prima sanatoria. La sola eccezione riguarda i cosiddetti “scartati” che avevano inviato la richiesta di adesione ma non erano in regola con tutti i requisiti.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Fonte: ilSole24ore