fbpx
 

Stop impignorabilità stipendi parlamentari: la proposta di legge alla Camera

Stop impignorabilità stipendi parlamentari: la proposta di legge alla Camera

Presentata la proposta di legge sull’abolizione dell’impignorabilit dello stipendio dei parlamentari. Spadoni: “rispettare principio eguaglianza sancito da art. 3 della Costituzione”

di Marina Crisafi – Chiuso il capitolo vitalizi per gli ex deputati, il M5S si prepara a un nuova battaglia “anti-casta”, l’abolizione dell’impignorabilit dello stipendio dei parlamentari. stata depositata infatti alla Camera la proposta di legge “Modifica all’articolo 5 della legge 31 ottobre 1965, n. 1261, in materia di sequestrabilit e pignorabilit dell’indennit mensile e della diaria spettanti ai membri del Parlamento” (sotto allegata).

Stipendio parlamentari: la legge del 1965

Lo stipendio dei parlamentari, si ricorda, infatti, non pu essere n pignorato n sequestrato.

L’art. 5 della legge n. 1261/1965 sopracitata sottrae al sequestro e al pignoramento l’indennit parlamentare e la diaria dei parlamentari impedendo, si legge nella relazione al ddl “ai creditori dei deputati e dei senatori della Repubblica di rivalersi su queste somme per la soddisfazione delle loro pretese”.

“I cittadini spiega la prima firmataria del ddl e vicepresidente della Camera Maria Edera Spadoni sul Blog delle Stelle – pagano le tasse e non godono di nessun privilegio; se anzi si trovano in difficolt il loro stipendio pu essere pignorato. Mi chiedo allora: perch un cittadino viene penalizzato rispetto ad un parlamentare?”

Da qui la proposta di legge che, prosegue la deputata 5Stelle, mira a rimuovere “una norma che pu essere percepita come immotivata diseguaglianza”, rispettando “il principio sancito dall’articolo 3 della Costituzione perch – i parlamentari devono essere trattati esattamente come un qualsiasi altro lavoratore italiano”.

Stop impignorabilit stipendi parlamentari: la pdl

La pdl composta da un unico articolo, pertanto, dispone l’abrogazione del quarto comma dell’articolo 5 della legge 31 ottobre 1965, n. 1261, il quale prevede che “L’indennit mensile e la diaria non possono essere sequestrate o pignorate” e contestualmente l’assoggettamento, ai fini del pignoramento e del sequestro delle indennit e delle diarie dei membri del Parlamento, alle “disposizioni dell’art. 545 del codice di procedura civile”.

Fonte: Studio Cataldi